Image Alt

Gelso Milano

Perche “Gelso”?

Tutto è iniziato con il nostro amore per un tessuto di seta accogliente e lussuoso che non solo ci fa sentire bene, ma che ha anche una bellezza essenziale e benefici rigeneranti. Con l’obiettivo di arricchire gli altri con il magico potere della seta e trasmettere travolgente sensualità abbiamo creato il nostro brand Gelso Milano.

 

Il fulcro dell’azienda attorno al quale viene creata la nostra espressione di bellezza e comfort è l’affascinante tessuto della seta. La tecnologia utilizzata non è declinata solo per il tessuto nella sua forma semplicistica, ma viene sfruttata proprio per la creazione di un nuovo tessuto sostenibile riprogettato in grado di esaltare le proprietà del tessuto originale e, ultimo ma non meno importante, il raffinato design e l’artigianalità italiana.

Il tessuto di seta è l’ingrediente principale della nostra azienda che racchiude in sé tutti i valori essenziali che vorremmo trasmettere. Questo è senza dubbio, uno dei tessuti più preziosi e raffinati al mondo, che ha la capacità di nutrire davvero il nostro spirito e farci sentire un avvolgente sensazione di comfort e bellezza. In effetti, per molti secoli la Cina ha mantenuto il segreto della produzione della seta difendendolo attentamente usando questo prezioso materiale solo per gli abiti imperiali. Secondo la leggenda, la moglie dell’Imperatore Giallo mentre era seduta sotto un albero di gelso scoprì che dal bozzolo che era accidentalmente caduto nella sua tazza di tè si poteva ottenere un filo di seta.

 

Per produrre la seta sono necessari due elementi: la falena della famiglia Bombycidae e le foglie di gelso. Il baco da seta femmina depone centinaia di uova da cui nascono i piccoli bachi da seta. I bachi da seta mangiano giorno e notte le foglie degli alberi di gelso per diventare grassi e abbastanza forti da poter fare i bozzoli di seta.  L’elemento chiave nella coltivazione della seta è l’albero di gelso, che dà origine al nome del nostro marchio per riconoscere il contributo di questa magnifica pianta nell’origine e nella produzione della seta. Solo alcuni numeri – cento chili di foglie di gelso servono per produrre 25 bozzoli di seta, mentre ci vorrebbero 110 bozzoli per fare una cravatta di seta. Gli 800 bachi forniscono seta per una sola camicetta e consumano circa 16 kg di foglie di gelso. Per produrre un solo chilo di seta grezza sono necessari oltre 200 chili di foglie di gelso e 5500 bachi da seta.

I bachi da seta abbastanza grassi ruotano un bozzolo attorno a loro, che è fatto di una sostanza gelatinosa che si indurisce con il contatto con l’aria, fino a diventare come piccole sfere di cotone bianco.  Per ottenere il singolo filamento i bozzoli con una falena all’interno vengono poi bolliti in acqua calda. Ogni bozzolo ha un filamento di circa 700 m di lunghezza. I bozzoli vengono poi intrecciati insieme per formare un filo di seta che dà origine a uno dei materiali più antichi ed eleganti conosciuti come seta.

Gli attivisti per i diritti sostengono che l’uso della seta non è etico dal momento che i bachi da seta muoiono bolliti in acqua calda o trattati con aria calda poiché i produttori hanno bisogno di ottenere i bozzoli non danneggiati. Nella scienza, tuttavia, non esiste una risposta chiara se i bachi da seta producano endorfine e quindi abbiano una risposta fisica al dolore o meno. Per rispondere a questo scetticismo alcuni tipi alternativi di seta stanno diventando popolari al giorno d’oggi: seta organica, tessuto di seta di pace e seta selvaggia. Il processo di produzione di questi tipi di seta è ecologico e non violento, poiché i bachi da seta vivono la loro vita piena e muoiono naturalmente.

 

 

 

Tuttavia, il processo di produzione di queste tipologie di seta è molto laborioso e quindi molto più costoso rispetto al tipo classico di tessitura del materiale di seta. Un’altra alternativa sostenibile che sta diventando sempre più popolare nel settore della moda è l’uso della seta riciclata o vintage: la seta è un materiale molto resistente e con una cura adeguata potrebbe durare per migliaia di anni.

Gli attivisti per i diritti che invitano le persone a non acquistare i tessuti di seta consigliano di passare a materiali artificiali alternativi, ad esempio viscosa o poliestere. Tuttavia, il processo di produzione di questi sostituti non è affatto sostenibile ed ecologico. 

Viscosa o rayon è stato sviluppato come un’alternativa più economica alla seta, è una fibra vegetale, che non è tossica per sé. Tuttavia, la produzione di questo materiale comporta processi altamente inquinanti e sostanze chimiche tossiche. Spinta dall’industria della moda, una grande richiesta di questo materiale porta anche al rapido esaurimento delle foreste del mondo, a volte comprese foreste antiche o in via di estinzione.

Il poliestere oggi domina l’industria della moda poiché è estremamente versatile, economico e veloce da produrre, tuttavia non è biodegradabile in quanto è una fibra sintetica a base di petrolio ed è la principale fonte di inquinamento da microplastiche, un grave e crescente problema al giorno d’oggi. È stato scientificamente dimostrato che ogni volta che laviamo i nostri vestiti sintetici le piccole cellule di plastica vengono rilasciate nell’acqua, contribuendo in modo significativo all’inquinamento da plastica dell’oceano. Le microplastiche sono tossiche per la fauna selvatica ed entrando nella digestione degli animali marini mettono in pericolo l’intero ciclo alimentare.

Confrontando la seta con questi due tipi di materiali artificiali, i capi in seta hanno sicuramente le loro considerazioni etiche, tuttavia il processo di produzione della seta è molto più sostenibile ed ecologico. Optare per la seta organica o selvaggia sarebbe la scelta ottimale per evitare pratiche non etiche e incoraggiare una produzione responsabile e sostenibile.

Non hai un account?

Registrazione

Non hai il permesso di registrarti